Intervista

Il futuro di SES

9.11.2020

Intervista al Presidente del Consiglio di Amministrazione di SES Mag. Marcus Wild

Quali conclusioni ha tratto della crisi legata al Coronavirus?

Marcus Wild ››› I nostri Centri sono essenzialmente luoghi strettamente legati al terroritorio cresciuti organicamente. Queste radici della nostra azienda sono state la nostra spina dorsale anche durante la crisi. Per quanto riguarda i nostri concorrenti, anche il nostro vantaggio in quell’area è aumentato. Tuttavia, le cifre di quest’anno non saranno di certo come quelle dell’anno precedente. Le nostre azioni e il nostro successo devono essere rivalutati. Operiamo sempre con l’orientamento alle partnership, anche quando i tempi sono duri. Il rapporto personale con i nostri retailer, ristoratori e fornitori di servizi è particolarmente importante per noi. Detto questo, ora abbiamo una visione più chiara di quali dei nostri concetti sono a prova di crisi. Il grano si separa dalla pula.

Come cambierà il mix di negozi nel medio termine?

Marcus Wild ››› La pandemia di Coronavirus rappresenta una vera perturbazione. Accelera l’evoluzione nella vendita al dettaglio.L’attuale tendenza si base su un minor numero di negozi tessili tradizionali, meno imprese di medie dimensioni, più Nearfood & Food, più negozi di produttori regionali, più Home & Garden, più sport, più concetti definiti e più Click & Collect.

La pandemia di Coronavirus rappresenta una vera perturbazione. L’evoluzione accelerata della vendita al dettaglio è un risultato diretto di essa.

Marcus Wild
Presidente del Consiglio di Amministrazione di SES

Cosa significa per SES “il nuovo mondo dopo il Coronavirus”? In cosa consistono le maggiori opportunità di sviluppo?

Marcus Wild ››› I cambiamenti offrono sempre enormi opportunità per commercianti e aziende. Un adattamento rapido e coerente è spesso il fattore decisivo in una competizione. Il mondo post-corona offre agli imprenditori un enorme potenziale per nuovi modelli di business ed idee. Questo potenziale creativo si era già formato durante il lockdown. Ad esempio, alcuni dei nostri ristoratori sono riusciti a creare nuove aree di business con perfetti servizi di ritiro; oppure con il nuovo formato del punto vendita Hervis nell’EUROPARK di Salisburgo, puoi percepire la volontà e il dinamismo di diventare sempre più rilevanti nel mercato. Nel complesso, la leadership di mercato di SPAR/INTERSPAR in Austria, raggiunta nel primo trimestre, è chiaramente un fattore rinforzante per i nostri Centri. Un Centro Commerciale non è solo un guscio per molte società di vendita al dettaglio sotto lo stesso tetto ma è anche un “abilitatore” il quale deve essere attivo nella selezione, esigente e promotore per rivenditori e progetti. Inoltre, un Centro deve essere legato alla regione, non sostituibile e fare parte della comunità. Tutto questo, insieme all’intero gruppo SPAR e quello che stiamo facendo molto bene. Siamo sicuri di uscire più forti dal Coronavirus.

Dove si vede SES tra cinque anni?

Marcus Wild ››› In futuro continueremo a concentrarci sulla regionalità e l’autenticità. L’uso multifunzionale dello spazio sta diventando sempre più importante. L’apertura del nostro nuovo centro distrettuale ALEJA a Lubiana è stato un segno del nuovo inizio dopo il lockdown. Allo stesso tempo colpisce lo spirito del tempo. Tra cinque anni, le location per lo shopping dovranno essere intese ancora di più come punti d’incontro che combinano shopping, tempo libero, il vivere, ufficio e altri usi – e si spera senza COVID-19.